Eustema, Ripensare i processi

Uno dei settori che più di altri ha beneficiato nell’anno in corso degli sviluppi delle tecnologie legate all’information technology è stato il FinTech. A questo concetto se ne legano altri due, LegalTech e RegTech. Contrazione di Legal Technology e di Regulation Technology, entrambi stanno procedendo di pari passo con il FinTech e l’InsurTech in quanto a opportunità di crescita nel mondo IT. «Il LegalTech ha l’obiettivo di favorire lo snellimento delle attività nel settore legale mediante l’automazione dei processi lavorativi, l’estrazione di concetti chiave dai testi legali grazie al ML/AI, l’elaborazione di elevate quantità di informazioni per ricavarne conoscenza a supporto delle decisioni e delle strategie aziendali. Il RegTech mira ad aiutare le imprese a essere in regola con le diverse normative e regolamentazioni, focalizzando come le stesse possono essere utilizzate per migliorare le prestazioni della stessa organizzazione» – spiega Enrico Luciani, amministratore delegato di Eustema. «Gli analisti del settore prevedono una crescita degli investimenti, nei prossimi tre anni, tra il 20% e il 50%. Accanto alla sfida di ripensare ai processi in chiave digitale c’è quella delle competenze. I nuovi mestieri del mondo LegalTech e RegTech richiedono esperti con conoscenze multidisciplinari e la capacità di lavorare in team pluridisciplinari. Eustema ha diverse progettualità in materia tra cui le più rilevanti sono SLeM (Smart Legal Management), progetto di LegalTech & Compliance cofinanziato dal MISE e con la supervisione scientifica del CNR e dell’Università di Milano Bicocca, e la soluzione Teleforum For, per la trasformazione digitale delle aree legali di grandi imprese ed enti. Una soluzione che somma una esperienza pluriennale nel settore alle migliori tecnologie cloud e di intelligenza artificiale».

Estratto dall’articolo “Scenari IT 2020. Il futuro si costruisce insieme” pubblicato su Data Manager Online in data 13/12/19